07 Agosto 2020
News

ENTRIAMO IN CAMPO: OPITERGINA-VAZZOLA

04-01-2020 20:00 - Entriamo in campo

Girone "nuovo", vita... vecchia?

Un altro anno se n'è appena andato.

Un 2019 iniziato sotto il segno della cocente delusione inflitta da quel 3° posto ottenuto nella passata stagione rivelatosi prestigioso, ma non utile per accedere ai playoff e ora terminato esaltando l'incredibile fermezza della squadra.

Gruppo in gran parte rimaneggiato dal calciomercato estivo che però è stato capace di aggiudicarsi ormai metà campionato.

Si tratta di una spietata dittatura agonistica la quale ha concesso agli avversari la libertà di battere l'impeccabile Sartorello solo 6 volte infliggendo loro al contrario 20 gol.

Ed è proprio dalla trionfale musica emessa dal rimbombo delle reti schiaffeggiate dai tiri mollati da fuori area o dal dolce tocco dei tap-in prodotti sotto porta che il gruppo è chiamato a riprendere la marcia interrotta dal riposo natalizio.

Tuttavia per sfruttare la propulsiva forza offerta dall'ultimo gol messo a segno da Pederiva e continuare così a volare verso il titolo i ragazzi ora dovranno cercare di battere anche il Vazzola.

Una missione in generale alla portata eppure allo stesso tempo non priva di rischi. Oltre all'incognita data da una condizione collettiva che potrebbe essere stata messa a dura prova da panettoni, brindisi e svaghi vari il gruppo infatti si ritroverà a fare i conti con un ospite rinforzatosi nello spirito e nell'organico.

Rincuorati dall'ultimo secco successo riscosso ai danni del Ponzano dell'ex "Chicco" Silboni gli uomini del tecnico Francesco Szumski a tal proposito possono anche beneficiare delle energie fresche portate da Ezzeddine El Bakhtaoui e Matteo Bozzon. Due nuovi arrivi, i quali puntando sulla loro scalpitante voglia di continuare a mettersi in mostra avranno il difficile obiettivo di non far sentire la mancante esperienza e tecnica del nostro precedente trequartista e maestro delle punizioni Michele Benetton, stoppato dalla squalifica assieme al terzo nuovo arrivo Riccardo Bozzetto. E l'occasione di mettere i compagni nelle condizioni di proporre una partita in parte accorta e in parte intraprendente. Spinti dalla necessità di dover rendere più stabile una difesa fin qui segnata dalle 22 marcature subite, i "verdi" cioè potrebbero prima di tutto badare a erigere un robusto argine costituito da una nutrita schiera di difensori. Guardiani i quali prima di tutto potranno avvalersi dell'intraprendenza e fisicità del classe '94 Alessio Munarin e del classe '90 Roberto Dall'Armellina. E poi sul supporto dei rientri garantiti dai mediani coordinati dal centrocampista classe '92 formatosi nella scuola calcistica opitergina Leonardo Giuliotto.

Una fitta ragnatela fatta di uomini che, se rimarrà stretta e ordinata, minaccia non solo di ostruire gli spazi ma anche di dare all'eventuale punta centrale Emanuele Polo il modo per far salire la squadra fornendo sponde. Oppure potrà permettere agli stessi rivali di lanciare i veloci piedi carichi di qualità dell'esterno offensivo preso dal Liapiave El Bakhtaoui e del collega di reparto arrivato dal Fossalta Piave Matteo Bozzon. Cioè due attaccanti che si sono già divisi 3 gol fatti.

Dunque, per evitare di cadere o di essere frenati come successo al Trofeo Promozione e alla 2ª giornata di campionato al Treviso Academy i ragazzi avranno bisogno di ritrovare subito la personalità.

Dote necessaria per permettere ai nostri difensori di occupare in fretta la trequarti.

Questo al fine di scoraggiare, con la tattica del fuorigioco, i possibili lanci in profondità tentati dagli avversari.

All'autorità nel mantenere alto il baricentro i "leoni biancorossi" dovranno sforzarsi di aggiungere poi grande attenzione.

Ciò per non perdere, in delicate zone del campo, quei brutti palloni che possano favorire un rivale bravo a sfruttare le più piccole imprecisioni. Grinta la quale inoltre dovrà essere accompagnata da determinazione. Ossia carattere nell'aggredire i rivali in modo tale da effettuare il consueto feroce pressing così da presidiare bene i varchi impedendo ai contendenti di intrufolarsi in area e allo stesso tempo mantenendo il possesso.

Per aumentare la speranza di poter rendere davvero efficace la circolazione (e quindi avere maggiori probabilità di produrre pericoli) sarà molto importante che la palla viaggi veloce, magari in verticale. E che i ragazzi provino a ricercare spesso scambi di prima alternando il rapido fraseggio a continue aperture laterali.

In questo caso un aiuto potrebbe arrivare non solo dalla spinta esercitata da Pavan, ma anche da quella prodotta dal rientrante Alcantara.

Due eccezionali corridori offensivi i quali, in definitiva, avranno il compito di rifornire il fronte avanzato.

Un attacco che pur dovendo ancora rinunciare a bomber Zorzetto e, per precauzione pure a Florean, potrà però contare sulla qualità di "Guto" De Freitas e sui letali scatti del "cecchino" Cattelan.

Insomma, i botti di Capodanno se ne sono appena andati portandosi via con i loro allegri scoppiettii la dolce atmosfera natalizia. Eppure è già ora di mettersi di nuovo in gioco per cercare di conservare l'imbattibilità di uno stadio, il nostro, inviolato da 8 gare. E, riprendendo il cammino verso la promozione interrotto dalla pausa invernale, poter dire alla fine "girone "nuovo", vita... vecchia".

Luca Antonello


Fonte: USD OPITERGINA
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio