20 Giugno 2018
News
percorso: Home > News > Società

OPITERGINA ALÈ INTERVISTA MISTER NICOLA GALLO

20-05-2018 08:40 - Società

DOMANDA: Mister Gallo, come sicuramente saprà nel calcio non tutto è ciò che sembra. Tradotto nel nostro caso: a un appassionato che volesse sapere a che punto è arrivata la Juniores in questo finale di stagione la classifica gli risponderà che ora i suoi ragazzi si troveranno a sostenere i playout, offrendo così una risposta poco confortante. Eppure siamo sicuri che la squadra, a ogni giornata, abbia sempre cercato di dare il massimo per consegnare una posizione ben differente. In questo senso quali sfide crede che eventualmente Vi avrebbero permesso di evitare queste ulteriori emozioni? E in generale, nutre qualche rammarico pensando che forse avreste potuto mettervi al sicuro prima o si sente comunque sereno sapendo che i suoi hanno fatto il possibile?

RISPOSTA: È chiaro che nel momento in cui ti trovi a dover affrontare l´appendice dei play out, oltretutto essendo stati condannati a doverli disputare solo per la differenza reti, diventa facile andare con la memoria alle partite in cui sono stati lasciati per strada dei punti. In questo senso, logico che la gara in trasferta contro la Fulgor Trevignano, nostra diretta concorrente in classifica, abbia lasciato più di qualche rammarico visto il pareggio subito in rimonta negli ultimi secondi. Credo tuttavia che quando qualsiasi squadra arrivi a mancare un obiettivo di classifica per pochi punti, sia facile trovare delle partite che se fossero finite in modo diverso avrebbero potuto assicurare un epilogo diverso e più positivo di classifica. Ritengo dall´altra parte giusto invece sottolineare quella che è stata la crescita del gruppo, sia a livello di prestazioni che a livello di risultati, tanto che il girone di ritorno ci ha regalato ben 24 punti a fronte dei soli 11 conquistati nel girone di andata. È normale che rammaricarsi adesso per i punti persi sia un discorso inutile e che lascia il tempo che trova.

DOMANDA: Prima di riuscire a tirare l´atteso sospiro di sollievo dovrete superare la prova Conegliano. Un contendente che come voi cercherà di lottare fino allo stremo per raggiungere quel sogno promesso chiamato salvezza. Al riguardo, quali sono i punti di forza che teme di più di questo avversario e quali invece le debolezze che spera che i suoi ragazzi si dimostrino in grado di saper sfruttare?

RISPOSTA: Ritengo il Conegliano una squadra ben strutturata, sia dal punto di vista tecnico che fisico, che, come noi e molte altre squadre coinvolte nella lotta salvezza, fino a fine campionato ha alternato dei buoni momenti ad altri meno positivi. D´altra parte il nostro girone, escluse le prime della classe, ha presentato un equilibrio assoluto tanto che a poche giornate dalla fine fosse impossibile prevedere chi avrebbe raggiunto la salvezza e chi invece avrebbe dovuto guadagnarsela ai play out. Sottolineerei come sia raro trovare un girone a 16 squadre dove la terzultima in classifica abbia raggiunto la comunque ragguardevole quota di 32 punti, il che vuol dire che affronteremo una compagine tutt´altro che sprovveduta.

DOMANDA: È vero, la doppia sfida con il gialloblu potrebbe non rivelarsi esattamente una passeggiata però lei, oltre a due risultati a favore, potrà contare anche su un´altro vantaggio. Ovvero quello di poter, proprio come previsto nella sezione di calcio delle Olimpiadi, convocare anche qualche giocatore più esperto. Al riguardo, per caso sa già quanti e quali "fuoriquota" pensa possano mostrarsi valide guide per i ragazzi e dunque essere aggregati alla squadra?

RISPOSTA: In questo senso vorrei sottolineare che non si tratterebbe di fuori quota, ma comunque di calciatori della stessa età con dalla loro il vantaggio di avere avuto qualche esperienza in più di buon livello, ma pur sempre di ragazzi di 18-19 anni. Tra l´altro lo stesso discorso vale per il Conegliano, che potrebbe aggregare qualche ragazzo di maggior esperienza dalla prima squadra. L´aspetto principale, e in questo senso mi ritengo fortunato, è che finora quando qualche giocatore della prima squadra è sceso nella Juniores, l´ha sempre fatto con massima disponibilità ed impegno e con lo spirito giusto. Ritengo che al di là del puro valore tecnico di ogni singolo giocatore, la differenza la facciano gli stimoli e lo spirito con cui questi ragazzi affrontano l´impegno e, infatti, al di là dell´aspettarmi un aiuto dal punto di vista tecnico, mi aspetto soprattutto un grande impegno come finora è sempre stato.

DOMANDA: Gli spareggi-salvezza, come d´altronde quelli per la promozione e tutte le competizioni "a eliminazione diretta" sono tra le prove più difficili da superare. Tuttavia i suoi giovani "leoni" oltre a poter fare affidamento sul sostegno tecnico di qualche giocatore più "navigato" avranno anche la fiducia dettata dalla consapevolezza di poter contare su due risultati utili su tre. Secondo Lei questa consapevolezza può contribuire a donare maggior carica o, con la sua pressione, rischia di trasformarsi in un aspetto negativo? Invece anche dal punto di vista fisico come pensa che arrivino i suoi a questo importante confronto?

RISPOSTA: Essendo già entrati nel periodo caldo, il fattore fisico assume una discreta importanza, ma ancor di più la disponibilità dei ragazzi a sacrificarsi. Ho già sottolineato ai ragazzi come ci sarà da soffrire e soprattutto da fare fatica, e credo che questa sia la chiave di Volta ancora di più dei valori tecnici e tattici che metteranno in campo le due squadre. Per quanto riguarda il fattore doppio risultato, è un discorso da evitare nella maniera più assoluta, per una serie di motivi. Innanzitutto si parla di una sfida su due partite, e quindi sarebbe assurdo fare calcoli su una distanza così lunga; e comunque vediamo come anche nel calcio dei grandi questo sia diventato un aspetto quasi del tutto insignificante, nel senso che ormai più nessuno fa calcoli di questo tipo in modo da impostare la doppia sfida in modo più o meno offensivo o difensivo o anche mentalmente diverso dal solito. Noi dobbiamo fare la nostra partita, mettendo in campo le nostre armi e i concetti che conosciamo bene per averci lavorato durante l´anno.

Luca Antonello


Fonte: OPITERGINA ALÈ
[]
[]
[]
[]

gli sponsor

[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio